-

Ue: avvio dell’European Cancer Imaging Initiative

Businessman pointing at his presentation on the futuristic digital screen
Azione faro del Piano europeo di lotta contro il cancro, l’iniziativa contribuirà alla creazione di un’infrastruttura digitale per collegare le risorse e le banche dati contenenti dati di imaging dei tumori in tutta l’Ue

In occasione di un evento che si è svolto a Bruxelles, la Commissione europea ha avviato ieri formalmente l’iniziativa europea sull’imaging dei tumori per aiutare i prestatori di assistenza sanitaria, gli istituti di ricerca e gli innovatori a utilizzare al meglio soluzioni innovative basate sui dati per le terapie e le cure oncologiche. L’European Cancer Imaging Initiative è un’azione faro del piano europeo di lotta contro il cancro e contribuirà alla creazione di un’infrastruttura digitale per collegare le risorse e le banche dati contenenti dati di imaging dei tumori in tutta l’Ue, garantendo nel contempo il rispetto di elevati standard etici, la fiducia, la sicurezza e la protezione dei dati personali. L’iniziativa collegherà inoltre i progetti a livello UE e nazionale, le reti ospedaliere e gli archivi di ricerca contenenti dati di imaging e altri dati sanitari pertinenti.

“L’innovazione tecnologica combinata con la protezione dei dati – afferma la Commissione – può creare un quadro affidabile per i ricercatori, gli innovatori, i medici ei pazienti. Grazie alla nuova iniziativa europea sull’imaging dei tumori, i ricercatori avranno un accesso efficiente a dati di alta qualità per studiare la malattia e migliorare la nostra comprensione. Gli innovatori saranno in grado di sviluppare e testare soluzioni basate sui dati per le cure oncologiche. L’agevolazione dello sviluppo di soluzioni basate sui dati consentirà ai medici di prendere decisioni cliniche, formulare diagnosi, prescrivere terapie ed esercitare la medicina predittiva in modo più preciso e più rapido, a beneficio dei pazienti oncologici. L’iniziativa sosterrà inoltre l’altruismo dei dati da parte dei cittadini , che potranno volontariamente dare il loro consenso o la loro autorizzazione alla messa a disposizione dei dati che generano, come modo per arricchire le serie di dati sanitari.

Un’infrastruttura transfrontaliera, interoperabile e sicura che tuteli la privacy accelererà l’innovazione nella ricerca medica. Sarà ad esempio possibile – prosegue la Commissione – addestrare nuovi sistemi che utilizzano l’intelligenza artificiale (IA) sulla base di una vasta serie di dati standardizzata e pienamente conforme al regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Ciò accelererà lo sviluppo di strumenti innovativi in ​​grado di offrire diagnosi dei tumori più rapide e cure personalizzate di migliore qualità”.

Far progredire la ricerca e l’assistenza in campo sanitario con la tecnologia digitale
In linea con la strategia europea per i dati e lo spazio europeo dei dati sanitari, l’European Cancer Imaging Initiative è una delle iniziative faro del piano europeo di lotta contro il cancro (EBCP). Riunirà l’innovazione in materia di tecnologia digitale e la protezione dei dati a livello europeo per creare un quadro affidabile e sicuro che dia ai ricercatori, agli innovatori e ai medici accesso a dati preziosi.

Le principali imprese, istituzioni e organizzazioni di ricerca europee collaboreranno per progettare l’infrastruttura che:

  • assicurerà a medici, ricercatori e innovatori europei facile accesso a grandi quantità di dati di imaging dei tumori;
  • sosterrà la prova e lo sviluppo di strumenti per la medicina personalizzata volti a far progredire la diagnostica e le terapie oncologiche;
  • agevolerà la creazione di nuove serie di dati di imaging dei tumori e l’interoperabilità delle serie di dati esistenti, in linea con la strategia europea per i dati.

Prossime tappe
A seguito dell’avvio dell’iniziativa europea sull’imaging dei tumori con due progetti, il progetto EUCAIM e la struttura di prova e sperimentazione dell’IA in ambito sanitario (TEF-Health), si prevede che entro dicembre 2023 sarà completata la progettazione dell’infrastruttura digitale paneuropea e saranno istituiti i meccanismi di collaborazione. I fornitori di dati potranno quindi collegarsi a questa nuova piattaforma federata europea. La prima versione della piattaforma sarà rilasciata entro la fine del 2024 e la versione finale è prevista per la fine del 2025. L’infrastruttura digitale sarà pienamente operativa e funzionante nel 2026.

Print Friendly, PDF & Email