-

Archive | Farmaci

Coronavirus, Siia: I pazienti ipertesi non sono più a rischio di infezione

ipertensione2

Mancano evidenze che associno l’ipertensione a una maggiore predisposizione al contagio. Il presidente Grassi: “Nelle persone ipertese stabili con Covid-19 o a rischio di contrarre il virus, il trattamento antiipertensivo deve essere eseguito secondo le indicazioni della Società Europea di Cardiologia e della Società Europea dell’Ipertensione del 2018 e le precisazioni dell’Aifa”.

“Non esistono evidenze che associano l’ipertensione alla malattia Covid-19: se l’ipertensione fosse un fattore predisponente all’infezione da coronavirus dovrebbero esserci più pazienti ipertesi…

 Nuovo coronavirus e Hiv: le raccomandazioni del Comitato tecnico sanitario per la lotta all’Aids

aids

Nessuna evidenza che i farmaci antiretrovirali utilizzati nella terapia di Covid-19 (inibitori delle proteasi) proteggano contro il contagio da SARS-Cov-2 nelle persone che li assumono per l’infezione da Hiv.

I dati scientifici attualmente disponibili non sono sufficienti per affermare che una persona con HIV (PLWHIV) abbia un maggiore rischio di contrarre l’infezione da nuovo coronavirus. Non ci sono quindi indicazioni specifiche per le persone con HIV, se non quella di attenersi alle misure igienico sanitarie indicate dal Ministero della Salute e la raccomandazione di rimanere…

Uniamo le forze della ricerca e dell’innovazione dell’Unione Europea

fiala siringa

Questo è l’appello che Alisei, Cluster Tecnologico Nazionale Life Science, Farmindustria, e Assolombarda lanciano al Governo italiano.

Nella lettera inviata al Governo propongono la creazione di una nuova Missione Europea per la ricerca del vaccino contro il Covid-19 con un budget consistente per un periodo di 12 mesi. “In un momento difficile come quello attuale, solo l’unione dei saperi e delle energie nazionali e internazionali può portare a un risultato concreto”, sostengono Diana Bracco, Massimo Scaccabarozzi e Sergio Dompé nella loro lettera al Premier Giuseppe Conte.…

 Agenzia Italiana del Farmaco, emergenza COVID-19: costituita Unità di crisi Coronavirus

farmaci2

Confronto con Comitato tecnico-scientifico su farmaci sperimentali e utilizzi off label.

Sono quattro le linee principali su cui è impegnata l’unità di crisi costituita da AIFA per l’emergenza COVID-19:

Farmaci in uso “off label”
In considerazione del fatto che nell’emergenza gli ospedali fanno ricorso a protocolli che prevedono l’uso off label di medicinali in commercio in Italia, AIFA sta predisponendo l’approvazione di quelli già identificati, che verranno sottoposti a valutazione da parte del CTS.

Ricerca e sviluppo/accesso ai farmaci sperimentali
In considerazione dei riscontri…

Aifa e Gilead annunciano che l’Italia è tra i Paesi che testeranno l’antivirale remdesivir per il trattamento del Covid-19

farmaci8

Si tratta di due studi di fase 3 che coinvolgeranno i centri con maggior numero di pazienti in Italia.

Aifa e Gilead hanno annunciato ieri che l’Italia parteciperà ai 2 studi di fase 3 promossi da Gilead Sciences per valutare l’efficacia e la sicurezza della molecola sperimentale remdesivir negli adulti ricoverati con diagnosi di COVID-19 (nuovo coronavirus). Gli studi saranno inizialmente condotti presso l’Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive …

Covid-19, Mariapia Garavaglia: Bene Roche Italia

mariapia garavaglia

“L’azienda Roche, che con la sua Fondazione ha scelto come finalità di stare dalla parte dei pazienti con il progetto “Persone non solo pazienti”, ha coerentemente scelto in un tempo tanto drammatico, di donare un farmaco, per chi ha la responsabilità di cercare ogni modo di curare”. Così Mariapia Garavaglia presidente della Fondazione Roche in merito alla decisione presa da Roche Italia di fornire gratuitamente per il periodo dell’emergenza, tocilizumab a tutte le Regioni che ne facciano richiesta, fatte salve le scorte necessarie a consentire la continuità terapeutica…

Coronavirus, Aifa: Rinnovo automatico dei piani terapeutici

medico che prescrive

I pazienti cronici, non dovranno recarsi dal proprio medico per il rinnovo del piano terapeutico, che sarà prorogato in automatico. Dall’Aifa le disposizioni transitorie. 

Per limitare l’accesso agli ambulatori e tutelare la salute di pazienti e operatori, sono prorogati fino al 30 giugno i piani terapeutici dei farmaci e dei dispositivi medici per tutti i pazienti con patologie croniche. È quanto deciso dall’Agenzia Italiana del Farmaco che spiega “In considerazione della necessità di ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nei pazienti anziani …