-

Archive | Regioni e ASL

Farmaci in Reparto: un nuovo metodo sperimentato all’Angelo porta a ridurre il margine di errore

GeriatriaDegenze7 (1)

Il “progetto pilota” prevede di effettuare l’anamnesi farmacologica, cioè la stesura della “lista” dei farmaci assunti, non solo interrogando il paziente ed eventualmente i familiari, ma integrando questa raccolta di informazioni con i dati di prescrizione contenuti nel Fascicolo Sanitario Elettronico regionale.

Sempre più corretta la somministrazione dei farmaci in Reparto: all’Ospedale dell’Angelo un nuovo progetto aumenta il margine di appropriatezza e riduce quello di errore. «Tutti noi sappiamo che al momento del ricovero di un paziente – spiega il curatore del progetto,…

Ulss 5 polesana: Nuovo piano di zona tra continuità e cambiamento

114-2020 Manuela Lanzarin

L’Assessore Lanzarin: «Riorentare il sistema dei servizi verso i nuovi bisogni».

Avvicinare i servizi ai cittadini, sostenere le famiglie, intercettare i bisogni delle persone iù deboli e più fragile, rendere più efficiente il dialogo tra Comuni, Ulss, terzo settore mettendo in comune visioni, risorse e le diverse professionalità degli operatori, evitare sovrapposizioni e doppioni nelle  prestazioni. Sono gli obiettivi del nuovo piano di zona che l’assessore alla sanità e al sociale  della Regione Veneto, Manuela Lanzarin, ha presentato il 24 gennaio scorso agli operatori…

“Governo impugna due norme del Veneto per contrastare la carenza di personale in corsia”

luca zaia1

Il Presidente della Zaia: «Ci opporremo in tutte le sedi, sono problemi che con l’autonomia non avremmo».

“Noi ci impegniamo perché i cittadini veneti possano continuare ad avere un servizio sanitario adeguato per qualità, formazione del personale e livelli di assistenza, ma continuiamo a trovare sulla nostra strada gli ostacoli messi dal Governo nazionale. Siamo nella situazione paradossale in cui da un lato non viene data alcuna risposta alle legittime aspirazioni del Veneto all’autonomia differenziata, dall’altro si insiste nell’ostacolare o fermare i provvedimenti che,…

Sarà realizzato il nuovo complesso didattico “Le Scotte”

firma accordo nuovo complesso didattico3

Firma dell’accordo tra Regione Toscana, Università di Siena e Azienda ospedaliero-universitaria Senese.

Un accordo da 12 milioni di euro tra Regione Toscana, Università di Siena e Azienda ospedaliero-universitaria Senese per la realizzazione del nuovo complesso didattico “Le Scotte” e il sostegno a progettualità condivise con l’Aou Senese. L’accordo è stato sottoscritto dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, insieme al rettore dell’Università degli Studi di Siena, Francesco Frati, e al direttore generale dell’Aou Senese, Valtere Giovannini. Presenti anche l’assessore…

Punti nascita della montagna, si potrà tornare a partorire

mamma neonato

La Regione Emilia Romagna ha predisposto un protocollo sperimentale per riattivarli che andrà al ministero della Salute. L’incontro tra la sottosegretaria di Stato alla Salute, il presidente della Regione, l’assessore alle Politiche per la salute e i sindaci dei Comuni dell’Appennino sede di ospedale. 

Le donne in gravidanza e senza alcuna complicazione potranno tornare a partorire nei punti nascita montani dell’Emilia-Romagna dove attualmente l’attività è stata sospesa. La Regione ha infatti predisposto un protocollo sperimentale da inviare al ministero della Salute che …

Cure Oncologiche. Pascale, quando l’ospedale entra in casa per la prima volta in Italia

da sx l'oncologo Giovanni Iodice le due pazienti selezionate Rita Maria e Marisa e l'oncologo Michelino de Laurentiis

Le donne con tumore al seno faranno terapia a domicilio assistite da un medico. Fino ad oggi la terapia biologica antitumorale sottocutanea è stata fatta solo in ospedale. Adesso sarà possibile farla sul proprio divano di casa, assistite da un medico. Selezionate le prime due pazienti. 

Si chiamano Rita Maria e Marisa, hanno rispettivamente 55 e 59 anni, la prima è di Marano, l’altra di San Giuseppe Vesuviano. Saranno le prime due donne in Italia che effettueranno la terapia biologica antitumorale sottocutanea nel salotto di casa. In cura dall’Istituto Nazionale Tumori IRCCS Pascale di …

Un italiano con diabete su sette risiede in Lombardia

milano

Con 550.000 persone con diabete, la Lombardia è la prima regione d’Italia per diffusione della malattia in termini assoluti; di queste, oltre 180.000, ovvero uno su tre, risiede nell’area metropolitana di Milano. Presentati i dati dell’analisi preliminare del progetto internazionale Cities Changing Diabetes per Milano, volto a studiare il legame fra il diabete e la città. 

É la Lombardia la regione con il maggior numero assoluto di persone con diabete in Italia: vi risiedono, infatti, circa 550.000 delle 4 milioni stimate nel nostro Paese e di queste, 1 su 3 vive a Milano. Secondo i dati elaborati…