-

Archive | Regioni e ASL

Asst Papa Giovanni XXIII: Personale militare già al lavoro, un nuovo impianto per l’ossigeno ma resta l’emergenza

medico

L’appello per avere in fretta altro personale sanitario è stato accolto e da ieri al Papa Giovanni XXIII hanno preso servizio 27 medici e 4 infermieri militari.

Già alle 10 di ieri mattina hanno partecipato alla formazione che ha già coinvolto quasi tremila persone all’Auditorium “Lucio Parenzan” dell’ospedale, il personale della Croce Rossa è arrivato questo pomeriggio. “Si sono concretizzati gli aiuti promessi ieri dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ringrazio nuovamente per aver voluto capire meglio quale fosse la nostra situazione…

Coronavirus, dalla Asl Roma 3 una app per monitorare i positivi

app covid 19

I pazienti in isolamento e in sorveglianza domiciliare seguiti a distanza dall’azienda sanitaria tramite l’App Adlife Covid-19.

Si chiama ADLife Covid-19 è la App della Asl Roma 3 che permette di seguire come stanno i pazienti in isolamento e in sorveglianza domiciliare. Per questo tipo di utenti la App è scaricabile dal sito dell’azienda sanitaria e permette al cittadino di inserire i dati inerenti la propria salute e ricevere informazioni dalla centrale operativa del servizio di telemedicina. «Applicando questa app possiamo capire come stanno i pazienti in isolamento…

Emergenza Covid-19, Federico II nella CoreNet LAB Campania

laboratori

Triassi: «Creiamo tutti assieme un percorso dedicato esclusivamente ai tamponi dei medici in prima linea».

È ufficiale l’ok della Regione Campania affinché la Federico II di Napoli possa effettuare tamponi per una prima diagnosi di infezione da Covid-19. Un risultato raggiunto grazie all’impegno profuso dal Dipartimento Assistenziale diretto da Framncesco Beguinot e dal Dipartimento di Sanità Pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia diretto da Maria Triassi. La struttura entra di diritto  nella CoreNet LAB Campania, ed è pertanto è autorizzata all’espletamento della diagnosi…

Coronavirus, Pronto in Veneto il piano ospedaliero straordinario

regione veneto

È pronto il Piano Ospedaliero del Veneto per fronteggiare l’emergenza coronavirus, preparando l’intero sistema sanitario, soprattutto dal punto di vista infrastrutturale e dei posti letto, all’ipotesi di maggior pressione possibile.

Lo ha riferito ieri la Regione Veneto precisando che i posti letto totali, assommando quelli di terapia intensiva, terapia subintensiva e malattie infettive, passano da 744 a 2.985, dei quali 825 di Terapia Intensiva (a regime normale sono 494), 383 di Terapia Subintensiva Respiratoria (a regime sono 85), 1.777 di malattie infettive (a regime sono 165). …

“La solidarietà che stiamo ricevendo è tanta”

ospedali

La dichiarazione rilasciata ieri da Maria Beatrice Stasi, direttore generale Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

“Al Papa Giovanni con i nostri medici, infermieri,  tecnici si continua a combattere contro l’ emergenza in un’autentica lotta contro il tempo. Siamo  arrivati ad attivare 80 posti di Terapia intensiva  e 350 posti di ricovero fra l’ospedale di Bergamo e quello di San Giovanni Bianco, esclusivamente per pazienti positivi al coronavirus. La possibilità di creare ulteriori posti è subordinata alla disponibilità di personale, soprattutto infermieristico,…

Covid-19, Scattato in Veneto uno specifico piano di sanità pubblica

lanzarin2

Tamponi anche ai contatti occasionali per isolare i positivi asintomatici.

Prosegue senza sosta l’individuazione di nuove iniziative per fronteggiare il Covid-19 in Veneto. Il 14 marzo, l’Assessore alla Sanità Manuela Lanzarin ha, ad esempio, annunciato la scelta di allargare lo spettro dell’esecuzione dei tamponi anche ai contatti occasionali, puntando così a isolare anche i positivi asintomatici, e ragionando anche sulla possibilità di concentrarsi su particolari categorie specifiche particolarmente esposte. La Lanzarin ha anche informato che sono stati inviati ai Sindaci…

Covid-19, Omceo di Roma ribadisce la criticità della situazione e torna a chiedere attenzione e tutele per gli operatori sanitari del Lazio

medico

L’Omceo capitolino ha deciso di rivolgersi con una lettera alla Regione e a tutti i direttori generali di Als, delle aziende ospedaliere, dei policlinici universitari e degli istituti fisioterapici del Lazio.

Riunito il Consiglio dell’Ordine dei Medici di Roma e Provincia nel corso del quale sono emerse una serie di gravi mancanze che mettono a rischio tutta la categoria medica. Per questo motivo, e in questo momento di grave emergenza sanitaria, l’Omceo capitolino ha deciso di rivolgersi alla Regione e a tutti i direttori generali di Als, delle aziende ospedaliere, dei policlinici universitari…