-

Archive | Studi e Ricerca

Coronavirus nell’aria? Solo in presenza di assembramenti

coronavirus-molecola2

Uno studio multidisciplinare, condotto a maggio 2020, analizza le concentrazioni in atmosfera di SARS-CoV-2 a Venezia e Lecce, evidenziandone le implicazioni per la trasmissione airborne. 

La rapida diffusione del Covid-19, e il suo generare focolai di differente intensità in diverse regioni dello stesso Paese, hanno sollevato importanti interrogativi sui meccanismi di trasmissione del virus e sul ruolo della trasmissione in aria (detta airborne) attraverso le goccioline respiratorie. Mentre la trasmissione del SARS-CoV-2 per contatto (diretta o indiretta tramite superfici…

Meno tumori polmonari operati in stadio iniziale: altro tributo pagato al Covid

chirurgia3

In pubblicazione il primo studio sull’impatto del Covid sul tumore polmonare basato su dati clinici.

La più importante Rivista Scientifica Americana nell’ ambito della Chirurgia Cardiotoracica, The Annals of Thoracic Surgery, ha appena accettato di pubblicare una “Lettera all’ Editore” dell’Istituto Europeo di Oncologia, che per la prima volta analizza l’impatto del Covid sul tumore polmonare sulla base di dati clinici. “Sono state analizzate – spiega l’Ieo – le lobectomie polmonari (i.e. intervento radicale per cancro del polmone) effettuate da giugno…

Scoperte due proteine che fanno scegliere alle cellule se invecchiare precocemente o trasfromarsi in cellule tumorali

ricerca

Pubblicati sulla rivista PNAS i risultati di uno studio dell’Università della Tuscia, in collaborazione con l’Istituto Regina Elena e l’Università di Strasburgo. 

Svelare le connessioni tra invecchiamento cellulare e cancro è l’obiettivo del gruppo di ricerca coordinato da Luca Proietti De Santis, Responsabile dell’Unità di Genetica Molecolare dell’Invecchiamento del Dipartimento di Scienze Ecologiche e Biologiche dell’Università della Tuscia. I risultati più recenti dello studio sostenuto da Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro sono stati pubblicati sulla rivista 

La polmonite grave lascia 4,2 milioni di bambini in disperata necessità di ossigeno ogni anno

manina neonato

Secondo Unicef-Chai-Save the Children-Mcri: Ogni anno a causa della polmonite grave 4,2 milioni di bambini sotto i 5 anni in 124 paesi a basso e medio reddito hanno livelli di ossigeno bassi a livello critico.

Secondo una nuova analisi di Unicef, Clinton Health Access Initiative (Chai), Save the Children e Murdoch Children’s Research Institute (Mcri), ogni anno a causa della polmonite grave 4,2 milioni di bambini sotto i 5 anni in 124 paesi a basso e medio reddito hanno livelli di ossigeno bassi a livello critico. Per le agenzie, l’interruzione dei servizi sanitari dovuta alla pandemia …

Mortalità aumentata di 10 volte in un mese, ma sempre di gran lunga inferiore alla prima ondata

infermiere-dpi-covid19

Il  28° Instant Report Covid-19 dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica, campus di Roma: verso la saturazione i posti letto nei reparti che accolgono pazienti Covid.

La mortalità è cresciuta di oltre 10 volte da settembre a oggi, passando da 0,93 per 100.000 abitanti nel periodo 12 settembre-11 ottobre, a 10,17 per 100.000 abitanti nel periodo 12 ottobre-10 novembre. Resta tuttavia inferiore al valore massimo che questa dimensione epidemiologica ha assunto in Italia: nei 30 giorni tra il 19 marzo ed il 17 aprile 2020 la mortalità, a livello…

Covid-19, forti criticità dei servizi territoriali e soglie critiche di occupazione dei servizi ospedalieri

covid

Il Report di monitoraggio settimanale (2nov-11nov) di Iss e ministero della Salute.

Secondo il Report di monitoraggio settimanale (2nov-11nov) di Iss e ministero della Salute l’epidemia in Italia seppur intensificandosi per gravità a causa di un aumentato impatto sui servizi assistenziali, mostra una lieve riduzione nella trasmissibilità rispetto alla settimana precedente che, sebbene ancora molto elevata, potrebbe costituire un segnale precoce di impatto delle misure di mitigazione introdotte a livello nazionale e regionale dal 14 ottobre 2020. “Tale andamento –…

Dal 2016 al 2019 le morti per morbillo in tutto il mondo sono aumentate del 50%

vaccini

Solo il 2019 ha registrato oltre 200 mila morti.

Nel 2019 i casi di morbillo sono aumentati in tutto il mondo, raggiungendo il più alto numero di casi segnalati in 23 anni. In una pubblicazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dei United States Centers for Disease Control and Disease Prevention (CDC), i casi di morbillo in tutto il mondo sono saliti a 869.770 nel 2019, il numero più alto riportato dal 1996, con aumenti in tutte le regioni OMS. I decessi per morbillo in tutto il mondo sono aumentati di quasi il 50% dal 2016, con un numero stimato di 207.500 morti soltanto nel…