-

Archive | Studi e Ricerca

Le cellule delle persone con sclerosi multipla che producono mielina sono sane e funzionati, è l’infiammazioneche impedisce la rimielinizzazione

ricercatore

La tesi confermata da due studi internazionali che vedono in prima fila l’Università Vita e Salute San Raffaele e l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, AISM con la sua Fondazione e la Progressive MS Alliance (PMSA)

Le cellule che dovrebbero ricostruire la mielina danneggiata (gli oligodendrociti) delle persone con sclerosi multipla (SM), e che non lo fanno determinando così la cronicità della malattia, non sono diverse da quelle delle persone sane. Sarebbe dunque l’ambiente infiammato in cui si trovano a condizionare la loro attività rigenerante e non un difetto intrinseco delle cellule…

31° Instant Report Altems Covid-19: Mortalità, aumento di sei volte da ottobre

coronavirus-molecola1

Il report settimanale dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica, campus di Roma. Ridotta nell’ultima settimana la pressione del Covid su servizi assistenziali, ma cresce l’età media dei contagiati.

Aumentata di ben sei volte da ottobre ad oggi la mortalità (rapporto tra decessi e popolazione generale) per Covid-19: la mortalità in Italia è passata da 4,74 per 100.000 abitanti nei 30 giorni che vanno dal 3 ottobre al 1 novembre, a 28,72 per 100.000 abitanti nei 30 giorni che vanno dal 2 novembre al 1 dicembre. Naturalmente la mortalità era…

Sars-CoV-2: così il virus cambia per fronteggiare la nostra risposta immunitaria

ricerca7

Analizzata la variabilità di più di 15000 sequenze isolate in varie regioni del mondo durante i primi sei mesi della pandemia. Lo studio dei ricercatori italiani pubblicato su Molecular Ecology.

Dal momento in cui il Sars-CoV-2 ha iniziato a infettare e a diffondersi nella nostra specie, è entrato in contatto con il sistema immunitario umano, che mette in atto risposte mediate da cellule (i linfociti T) e risposte anticorpali per eliminare le infezioni. Spesso, virus e altri agenti patogeni rispondono all’attacco della risposta immunitaria attraverso mutazioni che li rendono …

Studio Sip-Sitip: è la febbre (81,9%) il segnale più frequente del Covid-19 tra i bimbi piccoli

bambin

Gli adolescenti hanno sintomi più simili agli adulti come mal di testa e alterazioni del gusto e dell’olfatto. L’infezione da SARS-CoV-2 nell’infanzia avviene prevalentemente in modo asintomatico o paucisintomatico.

La febbre è il sintomo d’esordio più frequente (81,9% dei casi) dell’infezione da SARS-CoV-2 nel bambino, seguita da tosse (38%) e rinite (20,8%). Al quarto posto c’è la diarrea (16%). Sono i risultati di uno studio multicentrico pediatrico condotto dalla Società Italiana di Pediatria e dalla Sitip (Società Italiana di Infettivologia Pediatrica) su oltre 50 dei principali…

Luca Tiberi vince l’Embo Young Investigators Award

CERVELLI IN PROVETTA STUDIO TUMORI PEDIATRICI CIBIO; organizzatore UNIVERSITA' DI TRENTO, Dipartimento Cibio; Povo; in foto Luca TiberiFOTO DI ALESSIO COSER

Professore di Biologia e team leader dell’Armenise Harvard Laboratory of Brain Disorders and Cancer all’Università di Trento si aggiudica il riconoscimento che premia i migliori scienziati europei under 40.

Era dal 2016 che nessun italiano entrava nella prestigiosa lista dei migliori scienziati under 40. Una assenza dai palcoscenici internazionali che è stata colmata quest’anno da Luca Tiberi, team leader dell’Armenise Harvard Laboratory of Brain Disorders and Cancer dell’Università di Trento e professore al Dipartimento Cibio dell’Ateneo trentino, fresco vincitore dell’EMBO…

Coronavirus nell’aria? Solo in presenza di assembramenti

coronavirus

Uno studio multidisciplinare, condotto a maggio 2020, analizza le concentrazioni in atmosfera di SARS-CoV-2 a Venezia e Lecce, evidenziandone le implicazioni per la trasmissione airborne. 

La rapida diffusione del Covid-19, e il suo generare focolai di differente intensità in diverse regioni dello stesso Paese, hanno sollevato importanti interrogativi sui meccanismi di trasmissione del virus e sul ruolo della trasmissione in aria (detta airborne) attraverso le goccioline respiratorie. Mentre la trasmissione del SARS-CoV-2 per contatto (diretta o indiretta tramite superfici…

Meno tumori polmonari operati in stadio iniziale: altro tributo pagato al Covid

chirurgia3

In pubblicazione il primo studio sull’impatto del Covid sul tumore polmonare basato su dati clinici.

La più importante Rivista Scientifica Americana nell’ ambito della Chirurgia Cardiotoracica, The Annals of Thoracic Surgery, ha appena accettato di pubblicare una “Lettera all’ Editore” dell’Istituto Europeo di Oncologia, che per la prima volta analizza l’impatto del Covid sul tumore polmonare sulla base di dati clinici. “Sono state analizzate – spiega l’Ieo – le lobectomie polmonari (i.e. intervento radicale per cancro del polmone) effettuate da giugno…