-

Salute globale: L’Italia torna a sostenere e a dare il suo contributo per il Global Found

mondo

«La salute globale è uno dei punti fondamentali dello sviluppo, anche in vista dei negoziati per l’adozione dell’Agenda post 2015, e i Principi guida della Cooperazione italiana in ambito sanitario, aggiornati all’ottobre 2014, forniscono un approccio multisettoriale ed integrato che fa ampio riferimento ai temi cari all’Italia: l’accesso universale ai servizi sanitari e ai farmaci essenziali, la protezione vaccinale e il rispetto dei diritti umani in ambito socio-sanitario». Lo ha detto il Direttore Generale della Cooperazione italiana allo sviluppo, Giampaolo Cantini, in occasione…

Da aprile in Valle d’Aosta scompare la ricetta rossa cartacea

computer

Con la deliberazione della Giunta regionale n. 277, approvata il 26 febbraio 2015, si è concretizzato l’avvio, su tutto il territorio regionale, della “ricetta dematerializzata” per la farmaceutica e per le prestazioni di assistenza specialistica, in sostituzione della ricetta rossa cartacea del Servizio sanitario nazionale. «La Valle d’Aosta – dichiara l’Assessore regionale alla Sanità Antonio Fosson – è una delle prime regioni italiane in cui la dematerializzazione della ricetta rossa è diventata realtà. E’ questo il risultato di un lungo e complesso lavoro che ha coinvolto…

L’OMCeO Milano ricorre al TAR del Lazio contro l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a difesa della salute delle persone

Roberto Carlo Rossi

L’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano ha deciso di affiancare l’Ordine di Bologna nel ricorso al TAR del Lazio contro l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGMC) che nel settembre 2014 aveva sanzionato la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo) per 831 mila euro per alcune norme contenute del Codice Deontologico in quanto lesive della libera concorrenza, con l’obbligo di cancellarle entro gennaio 2015. Pur non essendo direttamente colpito dalla sanzione, ma essendo citato nel dispositivo dell’AGMC come uno dei soggetti corresponsabili…

Dallo Smi una firma critica sul documento di intesa che riapre le trattative per la riorganizzazione delle cure primarie

pina onotri

I punti contestati: finanziamento, modalità di costituzione e governance delle aggregazioni funzionali territoriali, autonomia delle regioni rispetto alle sperimentazioni già in atto.
Arriva una “firma critica” da parte del Sindacato dei Medici Italiani-Smi sul documento di intesa proposto, ieri notte, ai sindacati medici (per lo Smi erano presenti i dirigenti nazionali Alfredo Granito e Bruno Agnetti) dal Comitato di Settore Sanità della Conferenza della Regioni, per superare lo stallo nelle trattative per il rinnovo delle convenzioni per la riorganizzazione delle cure primarie.…

Convenzioni, Preiti (Fp CGIL Medici): «Con accordo riparte la trattativa ma serve ben altro per la riforma delle cure primarie»

mmg

«L’accordo sulle Convenzioni sblocca le trattative ma, nonostante l’impegno dell’assessore Montaldo e del sottosegretario De Filippo, rimangono immutati gli ostacoli politici, programmatici ed economomici che impediscono dal 2009 la riforma delle cure territoriali». È quanto sostiene Nicola Preiti, Responsabile nazionale Medicina Generale Fp CGIL Medici che aggiunge «Nonostante il Patto per la Salute avesse fornito indicazioni non c’è ancora un vero progetto nazionale riformatore per le cure territoriali, in grado di indicare un modello e superare le grandi …

Piemonte: nuovo traguardo per la riforma ospedaliera

antonio saitta

Il Governo sblocca 900 milioni per pagare i fornitori e dà parere positivo alle assunzioni di medici ed infermieri.

La Regione Piemonte ha ottenuto dal Ministero dello Sviluppo economico il parere positivo sulle due delibere sulla revisione della rete ospedaliera approvate ad ottobre ed a gennaio, con il conseguente sblocco immediato dei 900 milioni indispensabili per pagare i fornitori ed il via libera alle prime assunzioni di personale medico ed infermieristico negli ospedali. «Il presidente Chiamparino» ha affermato l’assessore alla sanità Antonio Saitta « ha ottenuto l’anticipazione…

Lala (Sumai): «Bene l’intesa con Governo e Regioni, ora si riaprano le trattative»

roberto lala buona

«Siamo soddisfatti per l’intesa raggiunta sul documento politico con Regioni e Governo. Ora auspichiamo al più presto una riapertura del tavolo per il rinnovo della convenzione». È quanto afferma il segretario nazionale del Sumai-Assoprof, Roberto Lala all’indomani della firma del documento d’intesa politico (tra Regioni-Governo e Sindacati) finalizzato alla riapertura delle trattative per il rinnovo dell’Accordo collettivo nazionale della medicina convenzionata. «Per quanto riguarda la specialistica – sottolinea Lala – abbiamo ribadito nero su bianco il nostro profilo giuridico,…

L’adroterapia potrebbe salvare circa 3000 pazienti oncologici in tutta Italia, colpiti da forme aggressive di tumore al pancreas, al fegato o alle ossa

foto 4974

ma l’accesso alle cure viene garantito solo in Lombardia e Emilia Romagna. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin visita il CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, uno dei quattro centri al mondo in grado di curare i tumori che resistono alla radioterapia e non sono operabili.

«Dal 2011 il nostro Centro ha trattato con l’adroterapia circa 500 pazienti oncologici che non avevano altra possibilità di cura, ma potrebbe accogliere fino a 1000 pazienti all’anno. È importante quindi che questa terapia sia inserita nei Livelli Essenziali di Assistenza e messa a disposizione di tutte…

Diabete: pari opportunità più che rispettate nell’assistenza al diabete di tipo 1

pari opportunità

La conferma dagli Annali di genere AMD, il primo rapporto sulle differenze uomo-donna con diabete di tipo 1, presentato dal Gruppo Donna dell’Associazione Medici Diabetologi – Buona la qualità di cura erogata per uomini e per donne, ma possibili margini di miglioramento per una maggior appropriatezza.
Nessuna disparità tra uomo e donna nel trattamento e nella qualità di cura complessivamente erogata per il diabete di tipo 1. Lo sostengono i dati del Rapporto “Le differenze di genere nel diabete di tipo 1″, realizzato dal Gruppo Donna AMD – Associazione Medici Diabetologi e presentato…